Vai al contenuto
corpo

Cellulite

Dr.ssa Simona Blidar - illustrazione cellulite corpo
corpo

Cellulite

La (cosiddetta) “cellulite” – meglio definita come Panniculopatia Edemato-Fibro-Sclerotica (PEFS) è una condizione multifattoriale presente nell’80%90% delle donne postpubertali ed è una delle “imperfezioni” estetiche meno tollerate. Esistono diverse teorie sulla fisiopatologia della cellulite e sono stati sviluppati numerosi protocolli terapeutici diversi, da quelli meno invasivi ai trattamenti chirurgici.

La cellulite è un processo degenerativo che colpisce il tessuto sottocutaneo delle gambe e dei glutei prevalentemente nella donna.

La “cellulite” non rappresenta soltanto un problema estetico. Se non trattata, infatti, tenderà inesorabilmente ad evolvere determinando la comparsa di dolore, formicolii, gonfiori, disturbi della circolazione.

A tutt’oggi una cura che consenta di “guarire” dalla cellulite non esiste. Esistono invece molti trattamenti che permettono di contrastarla efficacemente migliorandone sia gli aspetti estetici, sia quelli funzionali prevenendo e ritardando l’insorgenza dei disturbi clinici.

Un’accurata valutazione medica è necessaria per individuare programmi di trattamento personalizzati che prevedono vere e proprie terapie mediche o chirurgiche (programma alimentare dedicato, Carbossiterapia, mesoterapia, intralipoterapia, liposuzione) associate a trattamenti non invasivi (cavitazione, linfodrenaggio Vodder).


Istologicamente, la (cosiddetta) “cellulite” è un’alterazione ipodermica caratterizzata da:

ipertrofia delle cellule adipose

ritenzione idrica negli spazi intercellulari ipodermici dovuta ad un’alterazione del sistema venoso e linfatico con rallentamento del flusso sanguigno

fibrosi (setti fibrotici sottocutanei perpendicolari sulla superficie della pelle)

sclerosi (noduli doloranti sottocutanei)

Studi di imaging hanno identificato differenze nella struttura del tessuto connettivo nelle donne con cellulite rispetto sia alle donne senza cellulite che agli uomini. Le donne affette da PEFS hanno una percentuale maggiore di setti fibrosi orientati perpendicolarmente alla superficie della pelle che creano aderenze tra la cute e i tessuti sottostanti. Queste alterazioni del tessuto connettivo producono l’aspetto irregolare associato alla cellulite.

Solo un medico può aiutarti a decidere ciò che è giusto per te nel trattamento della cellulite.

Prima di sottoporsi a qualsiasi trattamento (non necessariamente medico), è sempre meglio consultare un medico che comprenda e tratti la condizione.
I risultati dipendono anche dall’abilità e dall’esperienza della persona che esegue il trattamento.

Domande e risposte per il trattamento della cellulite

Ho raccolto una serie di domande relative alla cura e il trattamento della cellulite, cliccando sulle domande qui sotto potrai leggere le risposte, in caso di dubbi o per approfondimenti non esitare a contattarmi:

La causa principale della cellulite è l’Insufficienza Venolinfatica Cronica (IVC), attraverso la stasi venulo-capillare al livello del connettivo sottocutaneo con edema periadipocitario. In seguito, si sviluppa una fibrosi iniziale che evolve in fibrosclerosi con formazione di micro e macronoduli.

Altri fattori aggravanti sono:

  • predisposizione genetica
  • sovrappeso e/o sedentarietà
  • dieta scorretta
  • postura scorretta
  • abbigliamento scorretto (abiti troppo stretti o scarpe con tacco eccessivo)
  • stress
  • farmaci
  • fumo

Prima della presenza visiva della (cosiddetta) “cellulite”, ci sono sintomi funzionali che indicano il primo stadio della PEFS:

  • edema perimalleolare
  • pesantezza arti inferiori
  • piedi freddi
  • parestesie
  • senso di tensione
  • crampi notturni e diurni (più rari)
  • teleangectasie cutanee
  • fragilità capillare
  • varici

Nella presenza di uno o più sintomi, è consigliabile effettuare una visita medica per una diagnosi accurata e indicazioni su come migliorare la propria condizione fisica e prevenirne il peggioramento.


Si ritiene che gli ormoni svolgano un altro ruolo centrale nella fisiopatologia della cellulite, che generalmente peggiora con la gravidanza, la contraccezione ormonale e la terapia ormonale sostitutiva (TOS).


Sebbene non sia così comune come nelle donne, anche gli uomini possono soffrire di una forma di “cellulite”. Nel caso degli uomini, la struttura del tessuto connettivo è disposta orizzontalmente, in modo simile alle cellule di un nido d’ape, in modo tale che le cellule adipose formino piccole unità indipendenti.

A causa di questa struttura reticolare, quando le cellule adipose maschili aumentano di dimensioni, non influenzano perpendicolarmente lo strato esterno della pelle, come accade nelle donne.

Se visivamente l’aspetto è simile alla cellulite delle donne, nel caso degli uomini si tratta di un’alterazione della struttura cutanea causata da un eccessivo accumulo di grasso, con l’aumento del volume delle cellule adipose. La pressione esercitata dallo strato muscolare sul tessuto adiposo contro la cute, fa assomigliare il grasso alla buccia d’arancia.

Le cause più comuni di cellulite negli uomini sono i cambiamenti ormonali, il fumo, i problemi di circolazione, il consumo eccessivo di alcol e l’eccesso di peso.


Se la cellulite ti disturba, non sei sola. Gli innumerevoli tentativi di eliminare – o almeno diminuire – la cellulite ha portato a molte opzioni di trattamento. Con così tanti trattamenti proposti, può essere difficile sapere cosa, se non altro, funziona.

Tra i migliori trattamenti secondo gli studi di ricerca sono:

carbossiterapia

innumerevoli studi clinici hanno accertato l’efficacia della Carbossiterapia, praticata per via sottocutanea e con metodologie adeguate e apparecchiature riconosciute dal Ministero della Salute Italiano. Gli effetti della Carbossiterapia sulla cellulite sono:

  • riduzione significativa degli edemi (ritenzione idrica) dovuti ad un’Insufficienza Veno-Linfatica Cronica (condizione che caratterizza 3 donne su 4)
  • riduzione delle adiposità (correlata sia ad una diretta azione lipoclasica, sia ad un aumento della lipolisi legata all’aumentata disponibilità locale di ossigeno);
  • miglioramento a livello microcircolatorio periferico, con maggior apporto di ossigeno e nutrienti;
  • aumento dell’elasticità della cute e conseguente positivo effetto sulla flaccidità cutanea;
  • correzione delle irregolarità cutanee (sia da sola che in associazione ad interventi di liposuzione);
  • implementazione dei risultati ottenibili con altre tecniche nel bodycontouring.
biostimolazione enzimatica

PB Serum Medical sono tre prodotti innovativi, ciascuno composto dai tre enzimi ricombinanti: collagenasi, lipasi e liasi. Il prodotto viene preparato e iniettato con un HA leggermente reticolato. Ha un effetto antinfiammatorio, rigenerante e stimolante sulla formazione del collagene.

A seconda del prodotto PBSerum, la concentrazione dei rispettivi enzimi differisce. Pertanto, ogni prodotto è adatto per le proprie indicazioni specifiche, tra le quali si possono elencare: cellulite in stadi avanzati, edema specialmente quando associato a fibrosi, lassità cutanea, fibrosi con accumulo di grasso, fibrosi dopo interventi chirurgici in particolare liposuzione.

mesoterapia

Mesoterapia – consiste in una serie di micro-iniezioni nelle aree con cellulite che integrano sia principi attivi farmaceutici, che omeopatici. La mesoterapia può combattere la cosiddetta cellulite e ripristinare l’elasticità naturale della pelle, promuovendo il collagene naturale ed elastina e stimolando il metabolismo locale.

Poiché esistono tantissime miscele di principi attivi, c’è un importante variabilità nei risultati ottenuti e nel numero di sedute necessarie.

perdita di peso

Il peso in eccesso può rendere più visibile la cellulite. Per alcune persone, perdere peso e mantenere un normopeso sano porta alla diminuzione della cellulite. Se invece la perdita di peso è molto rapida, la pelle si “svuota” troppo in fretta e diventa flaccida, evidenziando di più il dimpling della cellulite.

esercizio fisico

Tonificare la muscolatura rende la pelle più liscia e soda. La sostituzione del grasso con i muscoli può anche rendere meno evidente la cellulite.


Ogni anno eseguo migliaia di trattamenti, sempre personalizzati, cercando di consigliare al meglio le mie pazienti non solo sulle terapie mediche che eventualmente potrebbero fare, ma anche su uno stile di vita sano e piccole accortezze che non costano nulla, ma che potrebbero fare la differenza.